Gatti, quando sterilizzarli

Pubblicato il da miagolio77

La sterilizzazione degli animali domestici è una pratica controversa. Infatti c’è chi è completamente contrario per una questione di rispetto del proprio animale. Certo è che, se si vive in appartamento, il fatto di non sterilizzare il proprio gatto, maschio o femmina che sia, può creare dei grossi problemi.

Se il vostro gatto è maschio potete aspettare fino a che non comincia a dare segni di inquietudine, lanciando miagolii gutturali e segnalando il suo territorio con schizzi di urina dall’odore caratteristico e molto intenso.

Se si tratta di una femmina che ha la possibilità di uscire dall’appartamento non potete aspettare di cogliere dei segnali di inquietudine, ma dovete agire d’anticipo. Infatti, anche se la vostra micia non sa di essere pronta a procreare, saranno i maschi della zona a sentirlo e senza nemmeno che ve ne accorgiate sarà troppo tardi.

I veterinari dicono che la sterilizzazione delle femmine può avvenire dopo il compimento del quarto mese di età. Se avete la possibilità di tenerle chiuse in casa o sotto controllo potete aspettare che abbiano raggiunto i sei mesi di età perché abbiano un migliore sviluppo psicofisico.

In ogni caso, è meglio sterilizzare sia i maschi che le femmine quando sono ancora dei cucciolotti cosicché non sentano troppo la differenza tra il prima e il dopo a livello di sbalzi ormonali (in quel caso si rischia che il gatto cambi anche carattere) e che il loro fisico si appesantisca troppo.

L’operazione dei maschi è rapida ed esterna, con l’asportazione dei testicoli. Dopo qualche ora dal risveglio il vostro gatto sarà pimpante come ogni giorno.

Quella delle femmine, essendo interna, è un po’ più invasiva ed è probabile che la vostra gatta sarà svogliata e un po’ dolorante per qualche giorno.

In ogni caso, dopo l’operazione, regalate ai vostri amici animali qualche attenzione e qualche coccola supplementare: si sentiranno più protetti e amati.

EN - 4-month female cat. PL - Czteromiesiczna kotka | Source | Date 2
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post