Come coltivare il basilico

Pubblicato il da miagolio77

Le spezie sono una parte importante della cucina italiana e se avete la possibilità di coltivarle direttamente, invece che acquistarle di volta in volta al supermercato, è certamente la scelta migliore. Avrete un risparmio economico ma soprattutto avrete le vostre spezie sempre fresche da utilizzare appena colte dalla pianta.

Per la coltivazione procuratevi dei vasi non tanto profondi e piuttosto ampi, il basilico ha bisogno di molto spazio. Riservate un posto esposto al sole ma non nelle ore più calde, la pianta è abbastanza delicata e il caldo eccessivo la rovina con facilità.

Potete piantare i semini nel periodo di marzo, facendo un buco distante dall'altro circa 5-6 centimetri e inserendo un paio di semi per ogni alloggiamento, oppure potete aspettare la stagione più avanzata, fine aprile inizio maggio e trapiantare delle piantine già germogliate che potete trovare nelle grandi catene di distribuzione o anche al mercato.

La pianta produce foglie rigogliose se bagnata di frequente fino al sopraggiungere della stagione fredda.

Se vedete spuntare dei fiori (sono piccoli e bianchi e spuntano dove si vanno a formare le nuove foglioline, in cima alla pianta) cercate di toglierli il più prontamente possibile, in caso contrario la pianta dedicherà le proprie energie a far sbocciare il fiorellino piuttosto che per far crescere altre foglie.

Se utilizzate il basilico solo nel sugo, per una famiglia bastano tre o quattro piantine, se invece volete preparare anche il pesto abbondate sul numero, arrivate a una ventina di piante ricordando che il basilico può anche essere congelato.

nostra casa ,basilico, basil
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Miriam 02/27/2012 10:43

Buona idea! Ho cominciato anche io ad coltivare aneto e menta a casa. Segue il basilico. :)